Depressione e Disturbi dell’umore

depressioneSentirsi di tanto in tanto giù d’umore, fa parte della vita; ma quando il senso di vuoto e disperazione accompagnano costantemente le giornate, potrebbe trattarsi di depressione.

Va distinta dalla tristezza, poiché nella depressione affrontare la vita di tutti i giorni si rivela notevolmente difficile e chi ne è affetto,  perde la capacità di provare piacere e soddisfazione per le cose un tempo apprezzate. Gli hobby e gli amici non interessano più come al solito, ci si sente continuamente esausti e la sola idea di dover affrontare la giornata diventa intollerabile.

La depressione è tra le patologie psichiatriche più diffuse, affligge circa il 15% della popolazione e colpisce l’individuo nella sua totalità compromettendo il funzionamento lavorativo, sociale, familiare. Essa comporta un carico di sofferenza notevole sia per chi ne è affetto, che per coloro che gli ruotano intorno, e se non curata adeguatamente, può durare mesi, anni e in ogni caso è un disturbo grave che non va sottovalutato, poiché senza adeguato trattamento non solo rischia di durare molto più a lungo rispetto a chi decide di intraprendere un percorso di cura e trattamento, ma nei casi gravi può portare al suicidio.

E’ infatti fondamentale acquisire consapevolezza di come la scelta migliore sia rivolgersi ad un professionista al fine di intraprendere un percorso che possa risollevare il tono dell’umore, modificare i sensi di colpa, la bassa autostima e il senso di vuoto.

Quali sono i sintomi della Depressione?

A volte persone care o molto vicine, manifestano un cambiamento di comportamento e abitudini, per questo si rivela molto importante conoscere ed essere in grado di identificare i sintomi della depressione, in modo da riconoscerla precocemente. Il modo in cui essa si manifesta varia da persona a persona, ma è possibile individuare alcuni sintomi comuni.

  • Basso tono dell’umore, senso di tristezza persistente, crisi di piantodepressione catania.jpg
  • Perdita di piacere e di interesse per tutte o quasi tutte le attività che prima generavano soddisfazione
  • Sensazione di essere senza forze, senza energie, affaticamento, stanchezza
  • Aumento o diminuzione significative dell’appetito e quindi del peso corporeo
  • Alterazione del sonno: Difficoltà ad addormentarsi (insonnia) o costante desiderio di dormire (ipersonnia)
  • Rallentamento psicomotorio o agitazione
  • Difficoltà di concentrazione
  • Sensazione di essere inutile, negativo o continuamente colpevole
  • Pensieri di morte o ideazione suicidaria
  • Bassa autostima, sentimenti di insicurezza, inadeguatezza, inefficienza, auto-svalutazione
  • Senso di disperazione, visione pessimistica della vita

Quali sono le cause?

Le cause della depressione possono essere molteplici, si parla infatti di fattori biologici, psicologici e sociali. Tuttavia vi sono alcuni fattori di rischio che rendono alcune persone più vulnerabili di altre. Tra le cause vi può essere l’incapacità di accettare una perdita o il non raggiungimento di un proprio scopo, vivendolo come un fallimento insuperabile. Si tratta per esempio di tutte le forme depressive che nascono da lutti, malattie, “fallimenti” lavorativi o personali come nel caso della rottura di un’importante relazione affettiva.

 Il Trattamento

Come detto in precedenza, sia chi soffre di depressione , sia chi circonda un parente, amico o familiare affetto, deve acquisire la consapevolezza che è necessario l’aiuto di un professionista e riuscire ad affrontare la patologia da solo, non è facile come si possa pensare. Gran parte delle persone con una malattia depressiva non cerca una cura, spesso anche chi soffre di una depressione estremamente grave. Intraprendere un percorso psicologico significa ricevere il supporto necessario per fronteggiare una patologia altamente invalidante e gravosa per la salute. Significa inoltre, in ottica Cognitivo-Comportamentale, ristrutturare la propria visione di se stessi e della propria vita, incrementando il senso di auto-efficacia e la stima in se stessi. Significa inoltre interrompere il circolo vizioso caratterizzato da mancanza di motivazione o di energia e che porta come conseguenza la riduzione delle attività quotidiane, a trascurare i compiti e le responsabilità, lasciando che siano gli altri spesso a prendere le decisioni. Un modo per interrompere questo circolo vizioso è proprio quello di aumentare il livello  di attività, specialmente quelle piacevoli, che possano generare un miglioramento del tono dell’umore e contemporaneamente lavorare sul modificare convinzioni negative sulle proprie capacità e possibilità di cambiamento.

Dott.ssa Claudia Giusi Giuffrida Psicologa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...